Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Censimento, dopo quello della popolazione ecco quello delle aziende

Pubblicato su da ustorio

Chiusi il 29 febbraio i termini per rispondere al censimento della popolazione (ma ci sono già proroghe), a maggio arriva quello delle aziende.

 

Il 29 febbraio è scaduto il termine fissato dall'Istat per restituire i questionari del censimento della popolazione: ora anche per i residenti nei comuni con più di 150 mila abitanti non avranno più la possibilità di inviare i propri dati. Almeno in teoria, perché diversi comuni d'Italia hanno comunicato di aver prorogato i termini di consegna dei plichi con le risposte, che potranno essere riconsegnatibrevi manu presso alcuni centri di raccolta.

Chiuso anche il contact center, che dall'inizio di ottobre ha fornito informazioni ai chi ne ha fatto richiesta, gestendo anche le domande di chiarimenti provenienti dai cittadini. Inoltre non sarà più possibile compilare il questionario via Internet - a meno che la compilazione non sia stata avviata prima della mezzanotte del 29 febbraio - né riconsegnarlo agli uffici postali.

Un comunicato ufficiale dell'Istituto di statistica afferma che "non ci sarà alcuna proroga sul termine di scadenza ma i ritardatari per alcuni giorni possono riconsegnare il questionario agli Uffici Comunali di Censimento e ai loro Centri di Raccolta decentrati sui territori comunali. L'elenco dei centri con i loro indirizzi è accessibile dalla home page del sito censimentopopolazione.istat.it".

E chi non ha ancora fatto in tempo a compilare il questionario o non lo ha ancora restituito? Nelle prossime settimane, i ritardatari riceveranno la visita del rilevatore del Comune di residenza munito del tesserino di riconoscimento, il quale ritirerà il questionario compilato e, se necessario, aiuterà a compilarlo.

L'Istat ricorda inoltre che "il cittadino non censito sarà a rischio di cancellazione dall'anagrafe del Comune mentre chi rifiuta di restituire il questionario compilato al rilevatore, violando l'obbligo di risposta al censimento, diviene passibile di una sanzione che può variare da un minimo di 206 ad un massimo di 2065 euro".

Censimento delle aziende

Terminato il censimento della popolazione, ecco prepararsi il "9° Censimento generale dell'industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit", che punta a descrivere le caratteristiche del sistema produttivo per area e microarea. Si svolgerà nel corso del 2012 con alcune novità rispetto al passato: l'utilizzo dei registri statistici assistiti da rilevazioni campionarie, la produzione di nuovi strumenti di analisi e di approfondimento per differenti sottopopolazioni di imprese e di domini di analisi, la messa a punto di un sistema multicanale di restituzione dei questionari.

Il censimento, che si effettuerà in maggio, si articola in tre differenti rilevazioni sul campo:

  • rilevazione campionaria sulle imprese
  • rilevazione sulle istituzioni non profit
  • rilevazione sulle istituzioni pubbliche

La rilevazione multiscopo sulle imprese, la rilevazione sulle istituzioni non profit e la rilevazione sulle istituzioni pubbliche partiranno nella prima metà di settembre. La rilevazione multiscopo sulle imprese e la rilevazione sulle istituzioni non profit saranno svolte dalle Camere di commercio italiane.